Difesa Personale

 

DIFESA PERSONALE

Il significativo incremento di praticanti del Ju Jitsu deriva anche da un aumento di richiesta di corsi di difesa personale: quale risposta tecnica migliore si può offrire a questa necessità! Il programma da svolgere è interessante e colpisce per la sua efficacia pratica; prevede ogni tipo di gesto tecnico, comprendendo proiezioni, percosse, leve articolari e tutto quello che serve nel corpo a corpo o nel combattimento a corta distanza.

Le tecniche di Ju Jitsu, correttamente insegnate e apprese, costituiscono un valido ed efficace sistema di autodifesa, anche per la loro intrinseca caratteristica di tecniche difensive e quindi di risposta a un’aggressione altrui. Certo, i Maestri devono trasmettere al principiante i punti fondamentali della pratica e dello studio marziale: si devono evidenziare dunque durante l’insegnamento le caratteristiche etiche ed educative della “tradizione degli antichi Ryu” e infondere uno spirito di reciproca collaborazione tra gli allievi per progredire insieme.

Ogni fatto o azione che reca ad altri un danno ingiusto o è contrario a una norma di legge è definito illecito. Chi commetto un illecito è soggetto a una sanzione: è quindi responsabile, cioè è chiamato a risponderne. La responsabilità, tanto dell’istruttore di difesa personale quanto del soggetto che utilizza conoscenze particolari per difesa propria o altrui, rileva sia sotto un profilo civile sia sotto un profilo penale.

 

LA RESPONSABILITA’ PENALE NELL’ INSEGNAMENTO

 

Nel campo dell’attività di insegnamento delle arti marziali o di tecniche di difesa personale sono rilevanti le norme relative ai reati cosiddetti colposi, ovvero quei fatti dove l’evento dannoso non è voluto ne direttamente o indirettamente: così per esempio l’omicidio colposo e le lesioni personali colpose.

L’istruttore, o il responsabile del corso, rispondono di tali reati anche a titolo di concorso con chi ha causato direttamente il danno o nel caso in cui abbiano omesso di intervenire al fine di impedire l’evento. Naturalmente nei reati colposi il giudice deve accertare e valutare, oltre all’ efficenza causale del comportamento dell’imputato, anche l’eventuale sussistenza di cause poste in essere dalla vittima.

Altrettanto importante ai fini dell’accertamento della colpa, è individuare se l’azione, o l’omissione, abbia superato il cosiddetto rischio consentito (da valutarsi ad esempio in misura diversa se la tecnica viene eseguita durante un corso propedeutico o durante attività agonistica).

Una medesima azione potrebbe quindi essere valutata a titolo sia di illecito sportivo, sia di reato colposo o addirittura doloso. Tuttavia la responsabilità è normalmente valutata caso per caso e per escluderla è necessario il rispetto, oltre che delle regole di buon senso e di prudenza, anche di quelle sin qui emanate dalle competenti federazioni sportive.

Nel caso dell’insegnamento di tecniche di difesa personale, considerata l’assenza di specifiche indicazioni tecnico-regolamentari, si rende indispensabile una formazione accurata degli insegnanti. Specialmente nel caso in cui tra gli allievi di un corso vi siano dei minori, l’istruttore dovrà avere ancora maggiore attenzione in quanto potrebbe essere chiamato a rispondere anche di fatti avvenuti a causa della sua omessa vigilanza(culpa in vigilando).

Diversamente i responsabili tecnici e organizzativi del corso hanno una responsabilità non solo in relazione alla culpa in vigilando, ma anche sotto il profilo della culpa in eligendo (letteralmente colpa nello scegliere). Questi rispondono quindi anche del comportamento dell’insegnante inesperto, mantenuto in servizio malgrado la sua manifesta incompetenza e l’altrettanto palese inadeguatezza.

L’organizzatore di un corso risponderà a titolo di colpa ove non si attenga alle regole di diligenza e prudenza, scegliendo per esempio un insegnante tecnico senza aver accertato che la persona alla quale si rivolge sia non soltanto munita dei titoli di idoneità prescritti dalla legge, ma anche della capacità tecnica e professionale. Tra i vari casi di esclusione di responsabilità si deve qui ricordare quanto previsto dal nostro Codice Penale rispetto alle ipotesi di caso fortuito e forza maggiore.

LA RESPONSABILITA’ CIVILE NELL’ INSEGNAMENTO

 

La responsabilità civile che quì interessa sostanzialmente è quella extracontrattuale, che altro non è che la sanzione dell’illecito civile (ovvero il fatto lesivo di interessi giuridicamente tutelati nella vita di relazione). Il principio generale della responsabilità extracontrattuale è stabilito dall’art. 2043 del Codice Civile:

“Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”. Ecco quindi che la sanzione non è più, o soltanto, la pena (che si è visto essere la sanzione della responsabilità penale), ma il risarcimento del danno. Accanto al principio generale vi sono particolari figure di illecito che interessano direttamente perchè aggravano la responsabilità per la particolarità del rapporto intercorrente tra il responsabile e l’autore del fatto (art. 2048 c. c.) e per la pericolosità che deve essere riconosciuta all’insegnamento e alla pratica delle arti marziali (art. 2050 c. c.).

In tali casi la legge “presume” la responsabilità, che può essere annullata solo provando il caso fortuito. Ai nostri giorni sta assumendo una rilevanza sempre maggiore anche la cosiddetta “responsabilità oggettiva”, ove il responsabile, pur in mancanza di una colpa specifica, è obbligato a risarcire il danno causato da altri soggetti a lui legati (generalmente) da un rapporto di dipendenza.

IL DIRITTO ALLA DIFESA   

 

L’utilizzo di tecniche di autodifesa è ammesso dal nostro sistema giuridico nei limiti di cui si dirà tra poco. La legge penale Italiana, similmente ad altre, prevede che il cittadino che commenta un fatto normalmente considerato come antigiuridico (e quindi reato), per esempio percosse, lesioni, omicidio, non sia punito per la sua azione quando questa sia stata commessa nell’esercizio di un proprio diritto.

Le circostanze che “giustificano” un uso di tecniche di difesa (normalmente vietate in considerazione del loro carattere anche potenzialmente lesivo) sono analiticamente riportate nell’art.52 del Codice Penale che disciplina la difesa legittima:

“Non è punibile chi ha commesso il fatto, per esservi stato costretto dalla necessità di difendere proprio o altrui contro il pericolo attuale di un’offesa ingiusta, sempre che la difesa sia proporzionata all’offesa”.

I giudici della Cassazione hanno chiarito negli anni i confini di questa norma. I presupposti essenziali della legittima difesa – giustificazione ammessa nei confronti di tutti i diritti, personali e patrimoniali- sono costituiti da un’aggressione ingiusta e da una reazione legittima. L’offesa deve essere ingiusta o ingiustificata, prodotta cioè al di fuori di qualsiasi norma che la imponga o autorizzi. Il pericolo (la probabilità del danno) deve essere attuale: l’offesa, quindi, se non neutralizzata tempestivamente, sfocerebbe nella lesione di un diritto (vita, incolumità, proprietà, riservatezza).

Non è pertanto giustificabile la reazione a un’offesa ormai passata (per esempio, nel caso in cui l’aggressore si sia già dato alla fuga) in quanto rappresenterebbe soltanto una vendetta o rappresaglia, né tantomeno è legittima una reazione a un pericolo futuro, perchè in tal caso potrebbe essere richiesto l’intervento dello Stato e delle Forze dell’Ordine.

Il pericolo non dovrà in ogni caso essere causato volontariamente da chi si difende e pertanto non potrà essere invocata la legittima difesa in caso di rissa, di atteggiamenti di sfida e dove lo scopo concreto è solo quello di offendere l’aggressore. La reazione deve inoltre essere necessaria e inevitabile, nel senso che chi si difende non ha la possibilità di evitare l’offesa in altra maniera.

Infine la difesa deve essere proporzionata all’offesa. La reazione difensiva deve cioè essere adeguata, facendo riferimento al modo in cui si manifesta l’aggressione, il genere di bene attaccato, l’uso di bene attaccato, l’uso dei mezzi a disposizione dell’aggredito in un preciso contesto spazio – temporale e personale e, non ultimo, l’abilità dell’aggressore (ma anche dell’aggredito che si difende) di utilizzare tali mezzi. Nel caso in cui, nell’utilizzo di tecniche di autodifesa, si oltrepassino i limiti sopra descritti, chi si difende sarà tenuto a risponderne penalmente a titolo di colpa (art. 55 c. p.: “Quando nel commettere alcuno dei fatti previsti dagli art. 51 [esercizio di un diritto o adempimento di un dovere], 52 [difesa legittima], 53 [uso legittimo delle armi] e 54 [stato di necessità], si eccedono colposamente i limiti stabiliti dalla legge o dall’ordine dell’Autorità ovvero imposti dalla necessità, si applicano le disposizioni concernenti i delitti colposi, se il fatto è previsto dalla legge come delitto colposo”) o addirittura di dolo (quando l’eccesso è previsto e volontario).

 

C.P. Art. 52

Questo è l’Articolo del Codice Penale che regolamenta il diritto alla difesa personale. In ogni dituazione anche la più funesta dobbiamo mantenere il più possibile la linea del rispetto della persona e del diritto. Il mondo in cui viviamo sembra talvolta prevaricare i diritti fondamentali dell’uomo ed alcuni episodi di violenza lasciano esterrefatti ma è proprio per questo che non dobbiamo cedere alla tentazione di pensare l’arte marziale come un modo per farsi giustizia da se.